Monday, October 8, 2012

L'obiettore di coscienza

Questa è la prima volta che scrivo un blog in italiano, sul uno dei maggiori problemi dei giovani egiziani: il problema è servizio militari obbligatorio. questo è un problema grande per i giovani che hanno finito lo studio. 
Dopo aver conseguito la laurea non possono lavorare o lasciare il paese perché non gli viene rilasciato un visto per l’espatrio.
quindi per un chi decide di non prestare il servizio militare e decide di fare l’obiettore di coscienze non potrà avere acceso al diritto al lavoro, e allo studio, nonché alcuna possibilità di emigrare o viaggiare all’estero.
Parliamo qui di violazione dei diritti umani più elementari dato che il testo della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e International Covenant on Civil and Political Rights.


Perché quando finisco i miei studi dovrò prestare un servizio che non voglio? .. io sono un pacifista e mi rifiuto di  impugnare le armi.
Il maggiore  problema del servizio militare obbligatorio è che segna profondamente la vita dei giovani. in molti non vogliono ricordati questo periodo della  loro vita. La riflessione più comune tra questi giovani é la seguente: perché devo fare questo servizio obbligatorio se noi siamo in pace con tutti le paese?! Sí, hanno ragione noi siamo in pace da 39 anni,dopo l’ultima guerra contro Israel. Perché abbiamo ancora il servizio militare obbligatorio?


sapete che ci sono tanti giovani che ogni anno scappano per non fare questo servizio militare? sapete anche che in servizio militare i giovani che servono le armi guadagnano mensilmente 120 LE pari a circa 15 €? Ed infine, sapete anche che i giovani saranno trattati come schiavi servizio durante il servizio militare?!

Nel 2009 Maikel Nabil Sanad ha creato un movimento (No compulsory Military Service) per combattere contro il servizio militare obbligatorio in Egitto e sensibilizzare l’opinione pubblica su questo problema. Infatti, Maikel è stato il primo obiettore di coscienze in Egitto ed infine è riuscito a non servire nell’esercito.


Maikel Nabil Sanad
  
Dopo Maikel, il secondo obbiettore è stato Emad el Dafrawy. Emad é un giovane di 24 anni, si é laureato nel 2008 in Telecomunicazioni presso l'Università Misr , ed è anch’esso un membro del Movimento di fondato da Maikel Nabil Sanad (No compulsory military service).  lui é il primo obiettore di coscienza dopo la rivoluzione del 25 Gennaio perche' è anch’esso un pacifista e non vuole impugnare le armi, rifiutare la guerra ma soprattutto rifiuta di essere uno strumento nelle mani del consiglio militare.
Emad vive una vita difficile in Egitto, non può lavorare e non può neanche continuare i suoi studi e non può nemmeno lasciare il paese. 

Emad el Dafrawy
Alla fine : 
Forse un giorno tutti noi obbiettori andremo in galera perché noi non vogliamo servire nell’esercito e cerchiamo di sensibilizzare l’opinione pubblica su questo spinoso problema, ma noi lo facciamo anche per i nostri figli.

Grazia a Maria D'Aria per aver revisionato il testo

 



0 comments:

Post a Comment